12. L’etica della post-produzione

Ed eccoci infine giunti alla fine del nostro viaggio nella realizzazione di uno shooting fotografico. Non ci rimane che affrontare l’ultimo passo nella creazione di un grande scatto: la post-produzione. Questo tema è più che mai soggettivo perché dipende non solo dal nostro gusto estetico, ma anche da come concepiamo il nostro lavoro di fotografi. Distinguiamo quindi questi due aspetti per una trattazione più comprensibile.

Dal punto di vista estetico la post-produzione ha ormai davvero pochi limiti. Nell’era della fotografia digitale i moderni software ci consentono di ottenere con pochi clic del mouse qualunque risultato ma, paradossalmente, forse è proprio questo a creare le difficoltà maggiori. Lasciarsi prendere la mano è fin troppo facile ed eccedere superando i limiti del giusto è un errore sempre dietro l’angolo. Per contro anche sperimentare nuove soluzioni è diventato molto semplice quindi possiamo spingere la nostra creatività stando certi che l’unico limite sia la nostra fantasia.

Avere tutta questa “libertà” è quindi molto positivo ma sarà meglio darci delle regole per evitare di trovarci persi in un mare di opzioni che sono solo in apparenza tutte ugualmente valide. In linea di massima ricordiamoci sempre che:

  • La post-produzione deve essere decisa prima di iniziare a scattare: quando realizziamo una foto dobbiamo avere già in mente quali effetti le applicheremo nella fase finale così che tutto “funzioni” senza stonature.
  • La post-produzione deve accordarsi sempre con l’atmosfera dello scatto. Deve aiutarci ad enfatizzare gli stati d’animo che avevamo pensato per la nostra foto.
  • La post-produzione deve contribuire a veicolare il messaggio espresso nello scatto. Deve cioè facilitare l’osservatore nella comprensione del nostro lavoro.
  • La post-produzione è soprattutto una questione di gusto e l’esperienza giocherà un ruolo fondamentale quindi proviamo e riproviamo senza paura che sia una perdita di tempo.

Per il resto affidiamoci alla nostra creatività e sperimentiamo senza timore!!!

Ora veniamo all’altro aspetto: quello che potremmo chiamare “etica della post-produzione”. Per una trattazione più approfondita riguardante questo aspetto e le differenze tra fotoritocco e manipolazione digitale di un’immagine vi rimando a questo articolo pubblicato già da tempo sul mio sito. Quello che invece non si può evitare di sottolineare in questa sede è che ci stiamo muovendo nel campo delle opinioni quindi quello che potrebbe essere giustissimo per alcuni potrebbe anche essere inammissibile per altri. L’importante è essere coerenti: per esempio, se decidessimo di adottare una posizione più da “vecchia scuola”, utilizzando quindi al minimo il fotoritocco, dovremmo poi  mantenerla almeno per tutto il lavoro se non addirittura per tutta la nostra carriera. Naturalmente lo stesso varrebbe se preferissimo sbizzarrirci più con Photoshop che con la nostra attrezzatura fotografica… ricordandoci sempre che potremmo arrivare ad essere apprezzati più per questa nostra peculiarità che per le nostre capacità di fotografo.

Concludendo è importante notare che questa scelta diventerà parte del nostro stile e caratterizzerà le nostre opere quindi operiamola con cura e dedichiamole la necessaria attenzione.

Alle foto a corredo di questo articolo, come da nostra abitudine, sono stati aggiunti in fase di post produzione degli effetti che non sarebbero altrimenti stati ricreabili “in macchina”, cioè nel momento dello scatto, riducendo al minimo, o evitando del tutto, ogni altro tipo di correzione. Il fine ovviamente era quello di enfatizzare  i diversi aspetti del tema “bambolina” che Arianna (che avete conosciuto qui) stava interpretando… secondo voi ci siamo riusciti?
Un aneddoto simpatico riguardo questo shooting: inizialmente non era previsto che “l’uomo nero” che vedete fare il burattinaio comparisse nelle foto… ma poi questo personaggio fantastico ci è capitato sul set e non ho davvero avuto il coraggio di perdermi l’occasione di sfruttarlo per qualche scatto! Dobbiamo saper improvvisare: ricordate? J

Anche per questa ultima puntata lo spazio a nostra disposizione è giunto al termine.  Sperando che abbiate trovato interessante questa rassegna non mi resta che augurvi… BUONO SHOOTING!!! 🙂

Ottaviano Moraca – 8-stop Photosinfo@8stop.com

We cannot display this gallery

You may also like...

1 Response

  1. 27 luglio 2016

    […] Aggiornamento: Dodicesima Puntata – Post-Produzione – 12. L’etica della […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *