Parte la “Autumn Edition” di Diaframmi Chiusi No Stop

Chiusi (SI), 26 Ottobre 2017 – La Fondazione Orizzonti d’Arte e l’Associazione Flashati Cinefotoclub annunciano la partenza di Diaframmi Chiusi No Stop “Autumn Edition”, la seconda parte del progetto che prevede mostre fotografiche ed eventi culturali nei più importanti luoghi della città di Chiusi (SI). La manifestazione, che accoglie tutte le iniziative legate alla fotografia che hanno luogo al di fuori del festival biennale Diaframmi Chiusi, porta avanti il successo della sessione estiva, partita lo scorso 22 luglio, che ha visto i tre musei del centro storico uniti nell’ospitare mostre fotografiche.

La sessione autunnale è legata a Diaframmi Awards International Photo Contest, il concorso fotografico nato nell’ambito del Festival biennale di Chiusi nel 2016. Con Diaframmi Chiusi No Stop “Autumn Edition” apre, infatti, la grande mostra collettiva Diaframmi Awards Expo 2017, all’interno della quale saranno esposte tutte le 73 opere fotografiche selezionate come finaliste e vincitrici, insieme alle menzioni d’onore. La mostra esce dai circuiti istituzionali per avvicinarsi alle persone: l’appuntamento è dal 5 novembre 2017 al 7 gennaio 2018 presso il Centro Commerciale Etrusco (Località Querce al Pino) a Chiusi.

All’interno di Diaframmi Awards EXPO 2017 è possibile vedere tutte le opere finaliste del contest e soprattutto quelle dei vincitori. Il vincitore assoluto è Alain Schroeder, dal Lussemburgo, con il suo storyboard in bianco e nero dedicato al racconto della cerimonia di pulizia dei cadaveri nella regione di Toraja, in Indonesia, una cerimonia che “… si svolge dopo la raccolta del riso, le bare vengono rimosse dai siti di sepoltura e aperte, le mummie vengono pulite, messe ad essiccare al sole. Le espressioni di tristezza sono mescolate all’atmosfera felice che circonda questi momenti di connessione con i propri cari…”

I vincitori delle singole categorie sono: Giuseppe Bonali (Italia) per la categoria “Animal”, Greg Metro (U.S.A.) per la categoria “Landscape”, Michele Bindi (Italia) per la categoria “Street Photo”, Robin Yong (Malesia) per la categoria “Open B&W”, Marco Marcone (Italia) per la categoria “Open Color”, Daniela Pasquetti (Italia) per la categoria “Sport”, Sara Bianchi (Italia) per la categoria “Photojournalism”, Huu Hung Truong (Vietnam) per la categoria “The Work of Man”, anche premio ALI, Davide Pischettola (Italia) per la categoria “Peoples, Uses & Cultures” e infine Alain Schroeder (Lussemburgo) per la categoria “Storyboard”, oltre che vincitore assoluto.

La premiazione dei vincitori si è svolta nel centro storico di Chiusi lo scorso  7 ottobre, secondo un cerimoniale particolare: un percorso itinerante nei luoghi simbolo della città, dodici location d’eccezione, così come dodici sono stati i vincitori principali.

Oltre alla possibilità di prendere parte all’esposizione finale, i primi classificati di ogni categoria hanno diviso tra loro il montepremi totale del contest, pari a euro 1.500, in buoni Amazon o Pixmania. Al Vincitore assoluto, oltre al  titolo, anche un premio del valore di euro 500 sempre dal montepremi totale.

Il contest dell’edizione 2017 ha potuto registrare una grande partecipazione: da maggio a luglio sono arrivate oltre 2.000 fotografie da tutte le parti del mondo (Russia, Vietnam, Malesia, Kenya, U.S.A., Cina, Australia, Nuova Zelanda, India e numerosi stati europei). Ognuna è stata esaminata da una giuria composta da importanti nomi del panorama fotografico nazionale e internazionale; tra loro Daniel Berehulak (vincitore del Pulitzer per la Fotografia nel 2015 e premiato al World Press Photo), Michele Palazzi (vincitore di un World Press Photo Award nel 2015), Cristopher Roche (premiato con il Sony World Photography Award nel 2016), Tomasz Tomaszewski (fotografo e membro della giuria del World Press Photo), Luisa Bondoni (critica d’arte e di fotografia, vice-presidente e curatrice del Museo Nazionale della Fotografia di Brescia) e molte altre personalità del mondo della fotografia, della cultura fotografica e dell’editoria.

Per maggiori informazioni su Diaframmi Chiusi No Stop visitate il sito www.diaframmichiusi.it o seguite gli aggiornamenti sulla pagina Facebook www.facebook.com/diaframmichiusi/

Per informazioni sulle mostre in programma scrivete a info@diaframmichiusi.it  oppure  a info@fondazioneorizzonti.it

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *